NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BlogScintille di Esperienza

Cascata

Attività in pending

Ogni parola che dici è il risultato del tuo pensiero. Quando pronunci una parola qualsiasi, esprimi e materializzi un “qualche cosa” che fino a quel momento era rimasta solo nella tua mente, dentro di te. Ora quell’idea, quel concetto, quel “qualche cosa” non appartiene più solo a te, ma è condivisa con altri. Ebbene, da quel momento in poi è come se un filo invisibile legasse te alla parola che hai detto e gli effetti che produce quella parola ti ritornano attraverso quel filo.

Una sorta di cordone ombelicale tra la parola e il suo creatore. Ti sembra impossibile? Allora prova a pensare all’esempio che segue e dimmi se anche tu, almeno una volta nella vita, ti sei trovato nella stessa situazione. Sono pronta a scommettere di sì. Ci sono due amiche che si incontrano dopo tanto tempo. Si salutano calorosamente, si abbracciano e cominciano a parlare del più e del meno. Scoprono di vivere a pochi chilometri di distanza l’una dall’altra e quando lo vengono a sapere, si promettono di rivedersi di lì a poco. Si lasciano ciascuna con due bagagli nella mente, o dovrei dire due fili: l’uno è la gioia di essersi incontrate dopo tanti anni, l’altra è l’aspettativa dell’”arrivederci”. Il bagaglio che pesa di più per così dire, perché si tratta di una vera e propria attività in pending. E’ come se da qualche parte, nella mente di queste due amiche, si fosse scritto un appunto: “Devi andare a trovare tizia che abita a pochi passi da te”. Ora, se la promessa viene mantenuta, l’attività viene fatta e la coscienza si alleggerisce. Viene messa per così dire una spunta e l’attività viene annullata. Se invece, per qualche motivo, questo non accade, ogni volta che una delle due amiche passerà davanti o nei pressi della casa dell’altra sentirà un sorta di pressione (piccola, per carità, niente di grave o di irreparabile) ma che comunque sarà in grado di offuscarle i pensieri per qualche secondo, tanto è vero che nel novantanove per cento dei casi comincerà a pensare: “Qui abita lei e devo andare a trovarla, una volta o l’altra. Ma non trovo mai (il tempo, l’occasione, la voglia) di farlo”. Non è così?

Il motivo è che le parole hanno una loro forza, una loro vibrazione. Hanno un’anima. E quando le usi devi fare molta attenzione alla loro potenza. Cerca, per quanto possibile, di non promettere cose che sai che non puoi mantenere, altrimenti la promessa grava su di te e il suo peso è direttamente proporzionale all’intensità del rapporto che hai con l’altra persona. Impegnati il meno possibile, così, nel momento in cui lo farai, saprai di portare a termine i tuoi propositi, che è come dire darai più valore alle tue parole. Loro di conseguenza ne daranno di più a te.

Se hai gradito questo articolo metti Mi Piace qui sotto e, se lo desideri, lascia un commento con le tue impressioni. Per noi il tuo contributo ha valore. Aiuterai i nostri lettori a capire e a capirsi meglio e, allo stesso tempo ci permetterai di conoscerti e di apprezzarti.

 

Letto 2823 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cerca nel Blog