NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BlogScintille di Esperienza

Cascata

I 3 passi fondamentali per una telefonata di successo

Quando facciamo una telefonata di lavoro, per proporre un nostro prodotto o un nostro servizio, è fondamentale tenere a mente 3 regole basilari che nella maggior parte dei casi assicurano una buona probabilità di riuscita:


1) Il saluto iniziale
Da evitare il “Salve” che sento spesso dire ma che lascia in chi lo riceve una sorta di sensazione di poca cortesia. Va bene forse per le feste in giardino insieme ad una pacca sulla spalla, ma non è adatto per introdurci ad un interlocutore che non ci vede e non ci conosce. Meglio quindi un “Buongiorno” se telefoniamo prima delle 13.00 o un “Buon Pomeriggio” se chiamiamo dopo.
2) La presentazione di chi parla
Sembra scontato ma non lo è. Spesso, quando ricevo telefonate di persone che mi propongono i loro prodotti o servizi, mi trovo a dover chiedere loro con chi sto parlando. E’ fondamentale invece che il nostro Marchio, la nostra Azienda o Noi stessi ci presentiamo per primi se vogliamo che il nostro interlocutore ci possa accogliere nel migliore dei modi. Non esordire per esempio con: "Buongiorno parlo con la signora...?" Perchè questo mette chi riceve la telefonata sulla difensiva. Sentire pronunciare il tuo nome da uno sconosciuto, anche se questo ha le migliori intenzioni, ti crea sempre una sorta di disagio. Disagio che poi ti porti durante tutta la conversazione. Perciò un bel: “Buongiorno, mi chiamo . . . ” oppure “Buon Pomeriggio sono . . . dell’Azienda . . . e chiamo per . . .” sono ottimi biglietti da visita e una sicura apertura verso l’obiettivo che vogliamo raggiungere.
3) Scandire chiaramente le parole
Non devi avere fretta di arrivare, goditi la comunicazione! Scandisci bene le parole, parla con una voce aperta. Fai attenzione alla postura. Cerca di rimanere dritto davanti al PC e composto sulla sedia in modo che la persona con cui stai parlando percepisca che la telefonata che stai facendo è importante. Se tu per primo bistratti la comunicazione facendo dell’altro mentre parli (ho visto di tutto quando lavoravo come operatrice di Call Center) cosa speri di ottenere? Il massimo che l’altro ti può restituire è la tua stessa noncuranza e stai certo che lo farà.

Letto 126 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cerca nel Blog