NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BlogScintille di Esperienza

Cascata

I significati nascosti ma ben evidenti!

gattonascostoUn buon ascoltatore ha decisamente più assi nella manica rispetto a chi invece predilige far sentire la propria voce. Ci sono persone che parlano anche quando non è richiesto che lo facciano, solo per coprire il silenzio che molti trovano imbarazzante. Ebbene, se apparteniamo a questa categoria, dobbiamo porre una forte attenzione a tutte le volte che "cadiamo" in questa trappola. Dire cose tanto per dirle può risultare controproducente, sia per noi che per chi ci ascolta.

Perciò il primo passo da fare per raggiungere un livello di comunicazione sano è quello di ascoltare. Ascolta più che puoi. E divertiti a farlo. Allenati per esempio a sentire l'intonazione della voce di chi ti sta di fronte, osserva l'espressione del viso mentre parla o la postura che assume, o ancora fai attenzione al tipo di parole che predilige. Per esempio, se dice spesso (anche inconsapevolmente) la parola "problema" o la frase "non preoccuparti" è una persona che è impostata per così dire al negativo. "Non preoccuparti" è diverso da "Stai tranquillo". La prima frase, seppur detta in buona fede fa leva sulla preoccupazione, la seconda che vuole dire la stessa cosa, a livello emozionale è invece di tutt'altra matrice. Richiama la tranquillità e subito regala un senso di pace in chi ha la fortuna di ascoltare. Ancora, la frase "non c'è problema" è ben diversa da "va tutto bene". In sostanza quando parliamo è utile, sia per noi sia per chi ci ascolta, utilizzare più che possiamo termini positivi. In questo modo le nostre emozioni si allineano alle parole dette e i due comunicatori, chi parla e chi ascolta, possono trarre beneficio entrambi dall'incontro. Viceversa se due amiche si trovano e, intavolando una discussione, utilizzano frasi del tipo: "non disperarti", "non sei l'unica ad avere un problema del genere", "sì lo so i figli ci fanno morire, ti capisco" , secondo voi che beneficio possono trarre l'una dall'altra? Anche senza volerlo si sono impantanate a vicenda... Se avete esperienze di dialoghi simili, cercate di dirigere voi le parole cambiandone il segno. Fatele diventare da negative a positive, a prescindere dall'argomento di cui state parlando. E' un vostro diritto ricevere tutto il bene che potete anche da incontri occasionali e soprattutto da incontri di amici/amiche. Scrivi un commento se hai qualcosa da raccontare a proposito di questo.

Letto 953 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cerca nel Blog