NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BlogScintille di Esperienza

Cascata

Hai preso la tua droga questa mattina?

cocainaUn titolo decisamente provocatorio, ma di effetto, senza dubbio. Già. Perché la droga non è solo cocaina, Marjuana & Co, non è solo alcool o gioco d'azzardo. La droga è un qualche cosa di cui non si può fare a meno e che quando ne prendi anche una piccola dose ne vuoi sempre di più.

 

Per esempio, puoi drogarti anche di Amore. Ci hai mai pensato? Non parlo del sentimento per una singola persona, quello non è Amore, ma il suo contrario. Quello è attaccamento e a volte può essere dannoso come e più della cocaina e del gioco d’azzardo. No. Io parlo di quella condizione di perenne grazia, di quella gioia di gratitudine che puoi provare sempre e comunque, a prescindere dalle condizioni in cui ti trovi a vivere. E’ un requisito che di base abbiamo tutti, fin dalla nascita. Anzi, i bambini appena nati sono dei maestri nel praticarlo. Lo sanno fare per diritto di esistenza. Sorridono a chiunque, esprimono se stessi senza limiti o censure, amano tutte le parti del loro corpo e non accettano né vergogna né colpa. Sono degli autentici messaggeri di Amore incondizionato. Poi qualcosa cambia, ascoltano gli adulti e spesso, anzi sempre, questo mattone fondamentale, questa parte essenziale di DNA, viene relegata in un angolo oscuro dei nostri ricordi, quasi a vergognarcene. Pochi sono coloro i quali, benché adulti, riescono a mettersi in contatto con questa essenza che rimane dentro di noi in tutta la sua potenzialità, aspettando con pazienza che noi ci ricordiamo di averla. Secondo il Pascoli riuscivano a farlo solo gli artisti che ascoltavano “il Fanciullino” e, qualche volta, i vecchi. Secondo me invece possiamo farlo tutti, anche chi artista non è, soprattutto in un’epoca in cui abbiamo capito che c’è dell’altro oltre ciò che vediamo. Siamo riusciti ad andare oltre le apparenze, e lo prova il fatto che anche nello spietato mondo degli affari e della finanza si sente echeggiare ogni tanto la parola “intuizione”, la parola “umanità”, la parola “sostenibile”.

Drogati dunque di Amore. Comincia con piccole dosi, tanto poi non potrai più farne a meno e capirai che più Amore distribuisci al mondo più il mondo te ne restituisce. Ogni mattina apri la giornata con un messaggio positivo su di te, un apprezzamento, un complimento. Poi tieni questo messaggio nella tua mente per tutto il giorno. Ti accorgerai che in qualche modo si ingigantisce. Nel momento in cui senti che è abbastanza forte per uscire, indirizza lo stesso identico apprezzamento a un'altra persona che magari incroci per strada o incontri al lavoro o a scuola, mentre accompagni tuo figlio. Scegli le persone casualmente, senza un motivo. Non farlo a voce alta, ma solo col pensiero. Vedrai che non passerà molto che questo comportamento diventerà la tua droga. Fa stare bene te e porterà una parte di questo bene anche alle persone che "coinvolgi". Così facendo l'amore e l'autostima crescono a dismisura. Funziona esattamente al contrario di quello che si può pensare. Più ne dai, più ne hai. In pratica ti trasformi in una vera e propria dinamo d’amore. Quando hai bisogno della tua "dose di Amore" te la puoi creare, senza bisogno di cercarla fuori di te. C’è già lì, con te, da sempre. Da quando eri piccolo piccolo e sapevi come metterti in contatto con lei. E' un circolo virtuoso e, vedrai, non vorrai più tornare indietro!

Se vuoi approfondire l'argomento ti segnalo un libro molto bello in cui già dalle prime pagine trovi una definizione di Amore che è penetrante e dissolve tutti i tuoi dubbi. Life loves you di Louise Hay e Robert Holden.

Grazie di avere letto questo articolo, ti auguro che ti porti il massimo bene. 

Letto 712 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Cerca nel Blog